Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
05/10/2017

OCSE: Rapporto Italia 2017

Secondo il Rapporto "Skills Strategy Diagnostic" pubblicato dall'Organizzazione con sede a Parigi, l'Italia  incontra ad oggi maggiori difficoltà rispetto ad altre economie avanzate nell’attuare la transizione verso una società delle competenze prospera e dinamica. 


 

ROMA 5 ottobre 2017
 
Lo Skills Strategy Diagnostic Report dell’OCSE sull’Italia afferma che il Paese incontra ad oggi maggiori difficoltà rispetto ad altre economie avanzate nell’attuare la transizione verso una società delle competenze prospera e dinamica. L’indagine dell’OCSE sulle competenze degli adulti  rivela che oltre 13 milioni di adulti italiani (e cioè il 40% della popolazione) hanno scarse competenze in matematica , lettura e scrittura.
 

Il rapporto, presentato a Roma dal Segretario Generale dell’OCSE Angel Gurría insieme al Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan e al Ministro per la Coesione Territoriale e il Mezzogiorno, Claudio de Vincenti, identifica le aree prioritarie di azione. Occorre, in particolare, aumentare gli investimenti nell’istruzione superiore e nella formazione professionale, incoraggiare le aziende a investire e ad utilizzare formazione di alta qualità, e stanziare maggiori risorse per i servizi pubblici per l’impiego.
 
“Le recenti riforme stanno iniziando a dare i loro frutti, con la creazione di oltre 850 000 nuovi posti di lavoro” ha detto Gurría. “L’Italia deve adesso promuovere questa dinamica positiva assicurandosi che le scuole, le università e le aziende forniscano a tutti gli italiani, le competenze necessarie per riuscire nel lavoro e nella vita”. Discorso integrale.
 
Il rapporto sottolinea come l’Italia sia oggi incagliata in un “equilibrio di basse competenze” in cui la scarsa offerta di competenze è accompagnata da una scarsa domanda di competenze da parte delle imprese. Le piccole aziende, spesso a conduzione familiare, rappresentano oltre l’85% delle imprese e circa il 70% dell’occupazione.  Spesso, tuttavia, i manager di molte aziende a conduzione familiare non hanno le competenze necessarie per adottare e gestire tecnologie nuove e complesse. In Italia, le remunerazioni dei lavoratori sono spesso più legate alla durata del contratto  che ai risultati. Questo non incoraggia i lavoratori a utilizzare a pieno le loro competenze al lavoro e a investire nell’apprendimento di nuove competenze. 
 
Il divario tra domanda e offerta di competenze è molto elevato e diffuso. Circa il 6% dei lavoratori ha competenze inferiori a quelle richieste dal lavoro che svolgono il 21% ha qualifiche inferiori a quelle normalmente richieste. Allo stesso tempo, però, una percentuale non trascurabile della forza lavoro ha competenze superiori a quelle necessarie per svolgere le mansioni richieste  (11.7%) o è sovraqualificato (18%). Inoltre, circa il 35% dei lavoratori svolgono la loro attività in settori che non corrispondono ai loro studi.  Circa un giovane italiano su quattro (tra i 15 e i 29 anni) non lavora, non studia né partecipa a un percorso di formazione (i cosiddetti NEET), la seconda proporzione più alta dell’OCSE.
 
Sono necessari maggiori interventi per migliorare la qualità dell'insegnamento e colmare il divario dei risultati formativi tra le regioni, sottolinea il rapporto. L’azione volta ad aumentare l’accesso all'istruzione terziaria è fondamentale, soprattutto per gli studenti delle famiglie più disagiate: in Italia, la percentuale di giovani di età compresa tra i 25 e i 34 anni con un livello di istruzione universitario è solo del 20%, a fronte di una media OCSE del 30%.


Per incoraggiare un numero maggiore di adulti a rafforzare le loro competenze, è anche necessario aumentare la disponibilità di programmi di apprendimento a distanza e part-time, e favorire un migliore accesso ai servizi per l’infanzia per permettere di coniugare impegni familiari e lavorativi. Sarebbe inoltre opportuno introdurre dei sussidi per la formazione degli adulti con un basso livello di qualifica.
 


PER MAGGIORI INFORMAZIONI:
 

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind