Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
30/07/2018

ISTAT: contratti collettivi e retribuzioni contrattuali

L'Istituto Nazionale di Statistica ha comunicato i periodici dati relativi alle retribuzioni ed ai rinnovi contrattuali. Al giugno 2018 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore riguardano 11,2 milioni di dipendenti (86,8% del totale). I contratti in attesa di rinnovo a fine giugno sono 21, relativi a circa 1,7 milioni di dipendenti.
 

 

CONTRATTI COLLETTIVI  E RETRIBUZIONI CONTRATTUALI


Nel periodo aprile-giugno sono stati recepiti 13 accordi mentre uno è scaduto.

Alla fine di giugno 2018 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano 11,2 milioni di dipendenti (86,8% del totale) e corrispondono all’87,4% del monte retributivo osservato.

Complessivamente i contratti in attesa di rinnovo a fine giugno sono 21, relativi a circa 1,7 milioni di dipendenti (13,2%), in diminuzione rispetto al mese precedente (15,8%).

L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 35,8 mesi. L’attesa media calcolata sul totale dei dipendenti è di 4,7 mesi, in diminuzione rispetto a un anno prima (27,0).

A giugno l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie è aumentato dello 0,9% rispetto al mese precedente e del 2,0% nei confronti di giugno 2017. Complessivamente, nei primi sei mesi del 2018 la retribuzione oraria media è cresciuta dell’1,1% rispetto al corrispondente periodo del 2017.

Con riferimento ai principali macrosettori, a giugno le retribuzioni contrattuali orarie registrano un incremento tendenziale dell’1,3% per i dipendenti del settore privato (+0,9% nell’industria e +1,6% nei servizi privati) e del 4,1% per quelli della pubblica amministrazione.

I settori che presentano gli incrementi tendenziali maggiori sono: militari-difesa (+6,4%); forze dell’ordine (+6,1%) e ministeri (+3,8). Le variazioni tendenziali minori si osservano per i servizi di comunicazione e informazione (+0,3%) e per l’edilizia (+0,1%).


Per maggiori informazioni:
 
 

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind