Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Rassegna Stampa Estera
10/08/2007

Il "Caso Calvi" venticinque anni dopo

Il quotidiano inglese Financial Times commenta le dichiarazioni del Governatore della Banca d'Italia, Mario Draghi, in relazione all'evoluzione del settore bancario italiano dal "Caso Calvi" ad oggi.



"Venticinque anni fa Roberto Calvi, il Presidente del Banco Ambrosiano, fu trovato impiccato sotto il ponte BlackFriars a Londra, un episodio ancora avvolto dal mistero.

In occasione di questo anniversario, il governatore della Banca d'Italia, Mario Draghi, ha sottolineato i grandi progressi compiuti dal settore bancario italiano dal 1982 a oggi:
il peso della politica è diminuito, il sistema è più trasparente e regolamentato.

Ma molto resta ancora da fare, in particolare nel campo della procedura penale in materia di bancarotta, che non si è evoluta allo stesso ritmo del settore bancario. Non mancano poi gli scandali e le anomalie, che tendono a scoraggiare gli investitori, come la recente nomina di Cesare Geronzi a Presidente del Consiglio di Sorveglianza di Mediobanca."

Financial Times, Gran Bretagna


Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind