Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Rassegna Stampa Estera
09/02/2009

Libertà di Stampa in Europa

Reporter sans Frontières riporta la preoccupante situazione della libertà di Stampa in Bulgaria uno stato che da due anni appartiene a tutti gli effetti all'Unione Europea.




Bulgaria: la stampa tra rassegnazione e resistenza

06.02.09 - Reporters sans frontières (RSF) ha appena pubblicato un rapporto sulla situazione della libertà di stampa nel Paese, dove il giornalismo investigativo e il pluralismo dell'informazione sono seriamente messi in pericolo da gruppi mafiosi e sottoposti a continue pressioni politiche ed economiche.

Due anni dopo il suo ingresso nell'Unione europea (gennaio 2007) la Bulgaria stenta a far fronte agli impegni presi riguardo la democratizzazione della società. Se le iniziali speranze di dare maggiori libertà ai suoi cittadini non sono certo evaporate, le riforme promesse, compresa la libertà di stampa, tardano a prendere forma.

La stampa bulgara non è certo la sola in seno all'Unione europea a subire la violenza e l'influenza del crimine organizzato o di movimenti paramilitari. In Italia, ad esempio, una dozzina di giornalisti vivono sotto protezione. Stesso discorso in Danimarca o in Francia, In Spagna l'ETA mantiene la sua pressione sui giornalisti baschi che invocano il pluralismo dell'informazione.

Ma in Bulgaria, come attesta il rapporto di RSF, la situazione per la libertà di stampa e di espressione rimane estremamente difficile, tanto da portare alla definizione di "buco nero" per l'informazione all'interno dell'Unione europea. "Anche se molti giornalisti si sono ormai rassegnati nel Paese all'autocensura, altri esercitano una resistenza attiva alle pressioni.

L'assassinio, nell'aprile 2008, del giornalista Georgy Stoev, e la violenta aggressione subita nel settembre 2008 dal giornalista Ognyan Stefanov, ricordano a tutti i rischi che corrono coloro che non vogliono vedere la stampa relegata a semplice servizio di interessi particolari".

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind