Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Rassegna Stampa Estera
04/09/2010

Giornali USA in affanno anche sul Web

Libertà di Stampa Diritto all'Informazione riporta una ricerca di ComScore sui primi 50 siti online americani. Il primo gruppo della carta stampata in classifica è il New York Times, al 13° posto, il Washington Post solo al 47° posto.
 
  
VIa LSDI

Fra i primi 10 siti web americani non ci sono quelli dei maggiori quotidiani Usa. Lo ha rilevato uno studio effettuato da ComScore sui primi 50 siti online Usa mostrando che il primo quotidiano in classifica è il New York Times, ma al 13° posto.

Si tratta di uno studio che fotografa la situazione nel giugno scorso e che era molto atteso visto lo sforzo per il potenziamento della propria presenza sul web compiuto negli ultimi mesi da diverse aziende editoriali.

L’ analisi tra l’ altro – osserva Editorsweblog – risulta meno negativa di quanto prevedesse lo stesso rapporto dell’ anno scorso.

Tribune Interactive, con 28 milioni di visitatori unici e The Washington Post Company (con 26), sono al 40° e al 47° posto rispettivamente, mentre non erano presenti nella classifica dell’ anno scorso. New York Times Digital è salita di tre posizioni ed èal 13° posto, con 69 mln.
E’ una buona notizia, ma che succederà quando il NYT a partire da gennaio passerà all’ Informazione a pagamento?

Google, Yahoo e Microsoft restano i tre siti più visti, mentre la tanto controversa ‘content farm’ Demand Media sale dal 25° al 17° posto, registrando rispetto all’ anno scorso quasi un raddoppio del traffico, passato da 29 a 55 milioni di visitatori.

Facebook sale di due posizioni, sostituendo al quarto posto AOL (che scende al 5°), con 142 milioni di visitatori: anche in questo caso un quasi raddoppio rispetto ai 77 milioni dell’ anno scorso.

 
Per maggiori informazioni:
 

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind