Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Sistema creditizio e assicurativo
13/10/2015

Banking Summit 2015

Grande Successo per l’evento organizzato da Innovation Group  il 23 settembre 2015. Con oltre 340 partecipanti, si conferma il principale evento italiano dedicato ad approfondire il tema della trasformazione digitale dell’industria bancaria e dei servizi finanziari. 




Si è tenuto il 23 Settembre 2015 a Milano, con oltre 340 partecipanti, il principale evento italiano dedicato ad approfondire il tema della trasformazione digitale dell’industria bancaria e dei servizi finanziari. 

Aprendo la giornata con una presentazione sullo scenario economico italiano, Gregorio De Felice, Chief Economist di Intesa Sanpaolo ha affermato: “Il 2016 sarà l’anno della svolta per il credito bancario. In presenza di condizioni economiche più favorevoli avremo una ripresa dei prestiti, gli indici di fiducia dei consumatori sono in crescita e la propensione delle banche a scommettere sulla ripresa è oggi più forte che mai”. Deniz Güven, Senior Vice President - Digital Channels di Garanti Bank ha presentato il caso di una banca che ha sposato l’innovazione digitale per essere più competitiva nel contesto internazionale. 

Oggi il 91% delle transazioni dei clienti Garanti avvengono sui canali digitali e oltre 1 milione di clienti è operativo unicamente via Mobile. Anche secondo Gennaro Casale, Partner e Managing Director di BCG: “Il modello emergente in Italia è quello ibrido di interazione di presenza fisica con i canai digitali tenendo presente che i clienti chiedono soprattutto funzioni semplici sui canali digitali e le banche dovrebbero ripensare il proprio modo di innovare puntando a sviluppi interni, investimenti in startup fintech e partnership esterne”.

A seguire nella tavola rotonda su “Banche tradizionali, banche digital native e nuovi competitor” moderata da Ezio Viola, Managing Director di The Innovation Group, si sono confrontati Don Koch, Country CEO di ING Bank Italia e Massimo Tessitore, Responsabile Direzione Multicanalità Integrata di Intesa Sanpaolo. 
Entrambe le banche stanno accelerando il loro processo di trasformazione verso la banca digitale mettendo al centro il cliente e facendo leva sulle rispettive specificità e tipologia di clientela e offerta di servizi anche perché le funzionalità del digitale sono facilmente copiabili. Inoltre hanno dichiarato di avere un programma anche di investimenti specifico per supportare e lavorare con Fintech. 

Secondo Tessitore il brand continua ad essere uno più importante per una banca tradizionale, mentre per Koch cresce l’importanza dei Social, dove le banche possono studiare le preferenze dei consumatori. 

Nella Sessione “Banking 2020: quale futuro per le filiali bancarie?” è stato affrontato il tema dell’evoluzione delle reti di filiali con Alberto Pasquini, Co-Founder & President di Crea International Italy; Francesco Nardulli, Responsabile Divisione Risorse e Qualità di Banca Popolare di Bari; Maurizio Lupo, Responsabile Gestione e Sviluppo Rete, BNL Gruppo BNP Paribas; Paolo Formigoni, Vice Direttore Generale Vicario di Chianti Banca. Le esperienze mostrate hanno messo in evidenza che gli spazi fisici si stanno trasformando per favorire un nuovo modo di concepire la relazione con il cliente. Nella sessione parallela “Banking 2020: il nuovo Ecosistema dei servizi finanziari: 

Alternative Finance e Financing, Open Banking”, Carlo Alberto Carnevale Maffè, Docente di Strategia d’Impresa ed Economia Aziendale di SDA Bocconi ha affrontato il tema di come stia esplodendo l’ecosistema dei servizi finanziari e come il digitale può essere un fattore di innovazione anche per i servizi di corporate banking insieme a Ludovica Lardera, Chief Executive Officer di i-Faber e Fabio Bolognini, Co-founder di Workinvoice.it

 
Per maggiori informazioni:
 

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind