Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera

Rise of the Robots

Technology and the Threat of a Jobless Future
di Martin Ford
Vincitore del premio "Libro dell'anno 2015" del Financial Times
Non ancora pubblicato in Italia
Basic Book Edition - USA Giugno 2015
pp 352 - Dollari 15,94




Quali sono i lavori del futuro? Quanti saranno? E chi li potrà svolgere?
Potremmo solo sperare che la nuova rivoluzione industriale possa avere lo stesso esito delle passate: anche se alcuni lavori saranno eliminati, ne saranno creati nuovi  per affrontare le innovazioni della nuova era, ma l'incubo di una massiccia disoccupazione rimane.

In Rise of the Robots, l'imprenditore Martin Ford della Silicon Valley, sostiene che il  futuro sarà questo.

La tecnologia continua ad accelerare e le macchine cominciano ad essere autonome per cui saranno necessarie meno persone per svolgere i lavori di oggi.

L'intelligenza artificiale è già sulla buona strada per fare "un buon lavoro", saranno obsoleti molti assistenti, giornalisti, impiegati, e anche i programmatori di computer sono pronti per essere sostituiti da robot e software intelligente. 

Con il progresso continuo, i posti di lavoro dei colletti blu e bianchi potranno evaporare.

Allo stesso tempo, le famiglie sono sotto attacco con l'esplosione dei costi, in particolare per l'istruzione e l'assistenza sanitaria che, finora, non sono state trasformate dalla tecnologia.

Il risultato potrebbe essere una massiccia disoccupazione e disuguaglianza, nonché l'implosione dell'economia e del consumatore stesso.

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind