Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Risorse umane
10/11/2005

Legge Biagi, due anni dopo

Prime risultanze relative agli effetti della Legge Biagi sulla riforma del Mercato del Lavoro, a due anni dalla sua applicazione.




Secondo un recente studio dell’IRES, la legge Biagi (L.30/2003 sulla riforma del Mercato del Lavoro), a due anni di distanza dalla sua prima applicazione, non ha prodotto i risultati sperati. Infatti, con le nuove regole, il 70% dei lavoratori “co.co.co” non ha modificato la posizione di “parasubordinato”.
Un ulteriore 6% dei lavoratori precari contattati nello studio ha inoltre aperto la partita IVA mantenendo quindi un livello di instabilità della propria posizione lavorativa, soprattutto per le qualifiche più basse e peggio retribuite.

Il dato più significativo è però quello relativo alla stabilizzazione del rapporto lavorativo: solo il 6,5% dei lavoratori a due anni dall’inizio della collaborazione riesce ad ottenere un contratto a tempo indeterminato.

In allegato una rielaborazione del Centro Studi sulla trasformazione delle collaborazioni di lavoro dal 2003 ad oggi - dati espressi in percentuale.


RU_101105_LEGGE_BIAGI.pdf

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind