Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Relazioni industriali
20/03/2018

Partecipazione all'azionariato dei dipendenti

Nella periodica Newsletter, la EFES sottolinea come il 2017 sia stato un nuovo anno record per la partecipazione azionaria dei dipendenti, che ammonta a quasi 400 miliardi di Euro, il 3,20%.  Nelle grandi imprese europee l'86,6% propone ai propri dipendenti piani di azionariato.


  

Selezione dalla

EFES NEWSLETTER - MARZO 2018


Nuovo anno record per l'azionariato dei dipendenti in Europa

TIl 2017 è un Nuovo anno record per la partecipazione azionaria dei dipendenti, che ammonta a quasi 400 miliardi di Euro, il 3,20%.

Nelle grandi imprese europee l'86,6% propone ai propri dipendenti piani di azionariato. Dal 2006 ad oggi questa percentuale si accresce del 4% medio annuo, a dimostrazione di una crescita solida.

Anche il numero di azionisti dipendenti ha ricominciato a crescere: 7,5 milioni di persone, dipendenti delle grandi imprese europee. Se aggiungiamo il milione di dipendenti che partecipano al capitale in piccolo e medie imprese, il dato totale arriva a 8,5 milioni, interrompendo finalmente il calo del tasso di democratizzazione dell'azionariato dei dipendenti; è un risultato notevole, da attribuire a positive scelte politiche attuate in molti Stati.

Negli anni della crisi alcuni Paesi europei, fra cui il Regno Unito, hanno scelto di aumentare le incentivazioni fiscali per promuovere la partecipazione dei dipendenti. Altre, fra cui la Francia, avevano preferito sostenere I consumi delle famiglie, sacrificando le agevolazioni per risparmi a lungo termine e la partecipazione dei dipendenti.. Ciò ha provocato un severo impatto nel tasso di democratizzazione per l'azionariato dei dipendenti in Europa.

Con l'uscita dalla crisi, a partire dal 2013, molti Paesi Europei hanno ripreso le poltiche di incentivazione. Il tasso di democratizzazione si è stabilizzato, sina nel Regno Unito che nell'Europa continentale.

In Francia la "Legge Macron" ha determinate un rimbalzo, riportando al 37% la percentuale dei dipendenti azionisti nelle grandi imprese francesi, a dimostrazione della sensibilità dell'azionariato dei dipendenti agli incentive fiscali.


Rassegna stampa

Abbiamo scelto 22 articoli I 7 Paesi nel mese di febbraio 2018: Francia, Germania, Ungheria,  Italia, Marocco, UK, USA.

Francia: Il governo francese conferma la volontà di potenziare la politica di promozione dell’azionariato dei dipendenti. Nuovo piano di azionariato per Engie. French Governments confirms the will to boost employee share ownership policy. New employee share plan for Engie. Buone e cattive giornate per le cooperative di lavoro francesi.

Germania: Cewe Group: 3.500 dipendenti, di cui l’ 81% sono azionisti. In Germania l’investimento azionario non è gradito.

Ungheria: Herend Porcelain Manufactory è ancora un esempio per l’azionariato dei dipendenti in Ungheria.

Italia: Assonline è l’associazione degli azionisti dipendenti di Italiaonline.

Marocco: Piano di azionariato per I dipendenti di Airbus.

UK: Jerba Campervans acquisita da un “Employee Ownership Trust”.

USA: Molte nuove imprese diventano ESOPs. New Belgium taglierà il 4% dell’organico. Le società ESOP falliscono meno spesso delle non ESOP – sfortunatamente Appvion non è fra queste. II partecipanti ai piani di azionariato dei dipendenti reclamano programmi di formazione finanziaria.


La rassegna stampa completa è disponibile alla pagina:
              http://www.efesonline.org/PRESS REVIEW/2018/February.htm  
 
Per ulteriori informazioni:
http://www.efesonline.org
 


Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind