Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Relazioni industriali
18/09/2018

Partecipazione all'azionariato dei dipendenti

Nella periodica Newsletter, la EFES evidenzia come la promozione dell’azionariato ai dipendenti sia un fenomeno che sta coinvolgendo gran parte dell’Europa. Nuove leggi già approvate in Irlanda, Francia, Svezia e Paesi Bassi, mentre sono in discussione analoghi progetti in Germania Austria e Svizzera.




Selezione dalla

EFES NEWSLETTER - SETTEMBRE 2018

GERMANIA
Il Governo della Regione Nord Reno – Westfalia vuol rendere più attraente la partecipazione dei dipendenti nelle start up tedesche attraverso l’aumento degli incentivi fiscali; un progetto di legge è stato sottoposto al Bundesrat, la Camera Alta del Parlamento tedesco. L’attuale incentivo passerebbe dai 360 € attuali a 5.000. La sua approvazione porterebbe la Germania  ad allinearsi ai livelli standard europei per queste iniziative.

La promozione dell’azionariato dipendenti e la diffusione delle stock options è un fenomeno che sta coinvolgendo gran parte dell’Europa. Ci sono nuove leggi in tale direzione già approvate in Irlanda, Francia, Svezia e Paesi Bassi, mentre sono in discussione analoghi progetti in Austria, Lussemburgo e Svizzera.

Negli USA, Donald Trump ha firmato una legge che consideriamo storica, che aumenta gli incentivi alla promozione di imprese possedute dai dipendenti, conosciuta come "Main Street Employee Ownership Act". Questa nuova legge ha trovato sostenitori presso entrambi gli schieramenti politici, Democratici e Repubblicani.
Si tratta della legge più ambiziosa approvata dal Congresso negli ultimi 20 anni il cui effetto dovrebbe essere raddoppiare, se non triplicare, il tasso di crescita delle imprese partecipate nei  prossimi 10 anni.

Rassegna Stampa

33 articoli selezionati per Luglio e Agosto 2018 in 8 Stati: Francia, Germania, Ungheria, Lussemburgo, Paesi Bassi, Svizzera, UK, USA.

Francia: Come in altri Paesi la partecipazione dei dipendenti è particolarmente rilevante nel settore edilizio e dei grandi lavori. Engie: I dipendenti hanno il 4%. Nuovo piano azionario presso AZA, azioni gratuite per tutti I dipendenti Envea. Il numero delle cooperative di lavoro non è mai stato così alto, grazie alla crescita nei settori industriali e di servizi.

Germania: Il Governo della Regione Nord Reno – Westfalia vuol rendere più attraente la partecipazione dei dipendenti nelle start up tedesche attraverso l’aumento degli incentivi fiscali dai 360 € attuali a 5.000.

Ungheria: La nuova legislazione del 2015 ha consentito la ripresa nell’azionariato dei dipendenti.

Lussemburgo: Il dibattito sulla fiscalità da applicare alle stock options nelle startups.

Paesi Bassi: I dipendenti diventeranno azionisti dell’Ospedale Bernhoven.

Svizzera: Le imposte sulle azioni per I dipendenti e sulle stock options dovrebbero essere ridotte nelle startups.

UK: Il Primo Ministro scozzese Nicola Sturgeon lancia l’iniziativa  "Scotland for employee-owned businesses". Secondo un’analisi condotta da Equiniti, società Britannica specializzata nella gestione dei piani di azionariato, il numero di società che adottano piani partecipativi non è mai stato così alto. Nuove piccole aziende si trasformano in  Employee Ownership Trust.

USA: Donald Trump ha firmato una legge che consideriamo storica, che aumenta gli incentivi alla promozione di imprese possedute dai dipendenti. Questa nuova legge ha trovato sostenitori presso entrambi gli schieramenti politici, Democratici e Repubblicani. Si tratta della legge più ambiziosa approvata dal Congresso negli ultimi 20 anni. L’Employee Ownership Index pubblicato da NCEO raddoppia la performance dello S&P 500.

 
Per ulteriori informazioni:
http://www.efesonline.org
 


Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind