Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Sistema previdenziale
20/07/2007

Riforma previdenziale, un confronto Italia-Europa

Dopo vari tentativi effettuati in questi anni, il sistema della Previdenza Complementare è decollato: con il via alla previdenza integrativa rimaneva ancora il problema del cosiddetto "scalone".



Se non fossero state apportate modifiche all’attuale normativa, il 1° gennaio 2008 l’età pensionabile sarebbe salita repentinamente dai 57 ai 60 anni. Il problema era quindi legato alla necessità di rendere più graduale tale passaggio senza peraltro impattare sulle casse dell’INPS.

Con la riforma approvata dal Consiglio dei Ministri del 19 luglio, dal primo gennaio 2008 si potrà andare in pensione di anzianità solo con almeno 58 anni di età e 35 di contributi. Dal luglio 2009 i criteri per l'anzianità si inaspriranno prevedendo un minimo anagrafico di 59 anni e una quota tra età e contributi pari a 95. La quota salirà a 96 il primo gennaio 2011 e a 97 il primo gennaio 2013.

Di seguito una tabella sulle modifiche allo scalone contenuta nell'accordo siglato tra Governo e Sindacati a palazzo Chigi. Oltre al passaggio nel 2008 a 60 anni per l'età di pensionamento di anzianità dei lavoratori dipendenti a fronte di 35 anni di contributi, lo scalone Maroni prevedeva altresì il passaggio a 61 anni nel 2010 e a 62 nel 2014.

Requisito minimo per l'accesso al pensionamento con 35 anni di contributi versati.

                       Lavoratori dipendenti   Lavoratori autonomi
DATA                   ANNI    QUOTA           ANNI    QUOTA
-------------------------------------------------------------
1 gennaio 2008    58        --                    59       --
1 luglio      2009    59       95                   60       96
1 gennaio 2011    60       96                   61       97
1 gennaio 2013    61       97                   62       98

 

In allegato una tabella su dati Eurostat rielaborata dal Centro Studi, in cui si evidenziano le età nominali di pensionamento (vecchiaia) in relazione all’età effettiva media di pensionamento (anzianità) in Europa.


SP_061106_eta_pensionabile.pdf

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind