Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Sistema creditizio e assicurativo
11/01/2008

Banche: un 2007 vissuto pericolosamente

Dollaro debole, crisi dei Subprime e Fusioni rivoluzionano nel 2007 il volto della classifica delle prime banche mondiali: per la prima volta due italiane tra le prime dieci al mondo.

 


Subprime: è stata la parola del 2007 che anche i consumatori italiani hanno imparato a pronunciare nell’anno della grande rivoluzione del credito in Italia e nel Mondo.

In Italia diventa operativa la fusione tra Intesa e Sanpaolo  e si annuncia l’incorporazione di Capitalia in Unicredito che viene attuata nei mesi successivi
Nel mondo, colossi come Bank of America, Citigroup, Merril Lynch e Morgan Stanley, cadono rovinosamente nelle classifiche mondiali per capitalizzazione di borsa a causa della crisi dei mutui e del timore di mancanza di liquidità.

La somma di tali avvenimenti porta ad uno stravolgimento del panorama mondiale bancario con un sensibile cambiamento degli equilibri internazionali nel campo finanziario. Gli istituti di credito dell’Europa continentale, in generale meno colpiti dalla crisi americana, compiono balzi enormi nelle classifiche e nei pesi sui singoli mercati.

Altro fattore che incide fortemente su tali classifiche è la crisi inarrestabile del dollaro, moneta con cui normalmente viene stilata la maggior parte dei ranking mondiali.

Proprio per questo motivo secondo Ernst&Young, per la prima volta da anni, ben 3 aziende italiane entrano nella classifica delle 100 più grandi Corporations mondiali: Eni che si posiziona al 49° posto, Unicredit al 66° e Intesa Sanpaolo alla 73° posizione.

E sono proprio queste due banche italiane che compiono nella speciale classifica delle prime 50 banche mondiali un balzo fragoroso posizionandosi rispettivamente al 6° e decimo posto al Mondo, due giganti che crescono in un panorama bancario internazionale in cui si assiste al crollo dei Colossi Anglo-Americani sotto il peso dei mutui facili e della finanza strutturata portata ai suoi limiti estremi.

Di seguito uno stralcio della top 100 mondiale a fine dicembre 2007.

 The image “http://www.csspd.it/download/IMG_CONTENUTI/SF_110108_top_banche_mondiali” cannot be displayed, because it contains errors. 
 


Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind