Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Sistema fiscale
20/07/2005

IVA: l'Italia in coda in Europa

L’imposta sul valore aggiunto (IVA) rappresenta la seconda fonte di introiti per lo Stato italiano (oltre 90 miliardi di euro all’anno), ma in rapporto al prodotto interno lordo, il contributo che fornisce all’erario è tra i più bassi d’Europa .


Questo a fronte di imposte indirette sostanzialmente in linea con  gli altri partner europei, ma solo perché vengono conteggiate anche Irap e Ici.

Il gettito insufficiente ha diverse cause: la molteplicità di aliquote, i meccanismi di riscossione e, non da ultimi, i non trascurabili effetti dell’evasione vera e propria.

Le preoccupazioni sull’efficacia della tassazione tramite l’Iva assumono ancora maggior spessore in relazione al fatto che questa imposta si propone come quella più diffusa in Europa ed è ormai utilizzata in oltre 130 paesi nel mondo.


SF_200705_iva.pdf

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind