Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Welfare
18/12/2014

Rapporto Censis 2014 - approfondimenti

Il CENSIS ha presentato a Roma, presso il CNEL,  il 48° Rapporto sulla situazione sociale del Paese,  con l’analisi e l’interpretazione dei più significativi fenomeni socio-economici nazionali individuando i reali processi di trasformazione della società italiana.


 
"Dopo la paura della crisi, e' un approccio attendista alla
vita che si va imponendo tra gli italiani"
  
Anche se molto lentamente - spiega il Rapporto - si va facendo strada la convinzione che il picco negativo della crisi sia alle spalle (lo pensa il 47% degli italiani: il 12% in piu' rispetto all'anno scorso), tuttavia ora e' l'incertezza a prevalere. Non a caso, la gestione dei soldi da parte delle famiglie e' fatta di breve e brevissimo periodo, di contante e depositi bancari. 

Nel periodo 2007-2013 tutte le voci delle attivita' finanziarie delle famiglie sono diminuite, tranne la voce "biglietti, monete e depositi", salita in termini reali del 4,9%, arrivando cosi' a costituire il 30,9% del totale (era il 27,3% nel 2007). A giugno 2014 questa massa liquida e' cresciuta ancora, fino a 1.219 miliardi di euro. Prevale un cash di tutela, con il 44,6% delle famiglie che destina esplicitamente il proprio risparmio alla copertura da possibili imprevisti, come la perdita del lavoro o la malattia, e il 36,1% che lo finalizza alla voglia di sentirsi con le spalle coperte. La parola d'ordine e': soldi vicini per ogni evenienza".

  
LA FIDUCIA NEI CORPI INTERMEDI

"Malgrado la sfiducia generalizzata che gli italiani nutrono verso le classi dirigenti del Paese, rappresentanze sociali comprese - sottolinea il Censis - 
la maggioranza (il 60% circa) continua a considerare gli organismi intermedi come un elemento centrale nel funzionamento democratico. Il 42,5% li ritiene importanti, in quanto rappresentanti di interessi e valori comuni a gruppi di cittadini, e pertanto fondamentali nell'incidere sulle decisioni della politica; mentre un altro 17,2% ritiene un valore la loro presenza, in quanto collante aggregativo in una societa' sempre piu' individualista. 

Di contro, tra quanti non reputano i soggetti intermedi utili alla vita democratica (il 40% circa) e' solo il 12,7% a considerare il loro ruolo del tutto inutile, in considerazione del fatto che gli interessi devono esprimersi attraverso la politica e le istituzioni; il 16,9% pensa infatti che siano superati perche' superate sono le logiche aggregative degli interessi, non piu' basate su appartenenze professionali, mentre ben il 10,7% punta proprio il dito sull'approccio corporativo e la tendenza a chiudersi nella difesa di microinteressi settoriali".

Per maggiori informazioni:
www.censis.it
 


RAPPORTO CENSIS - CONSIDERAZIONI GENERALI

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind