Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Rassegna Stampa Estera
05/05/2015

Freedom House: decresce nel mondo la libertà di stampa

Secondo l'annuale Rapporto di Freedom House, nel mondo solo un abitante su sei vive in paesi in cui l'informazione è libera. L'Italia (parlty free) è al 65° posto su 199 nazioni al mondo, ma nel raffronto europeo occupa la posizione numero 30 su 42 nazioni.



Freedom House: la libertà di stampa nel mondo decresce
Nel mondo solo un abitante su sei vive in paesi in cui l'informazione è libera.


Nel 2014 il mondo dell'informazione ha raggiunto il record negativo degli ultimi dieci anni. Lo denuncia Freedom House, l'organizzazione non governativa internazionale, da anni impegnata sul fronte della libertà di stampa, che ha raccolto, analizzato e pubblicato i dati relativi all'attività giornalistica. 

Sui 199 paesi presi in esame, 63 sono ritenuti “liberi” sul piano dell’informazione mentre 71 vengono descritti come “parzialmente liberi”, tra questi l'Italia, e 65 “non liberi”. 

Dal 2004 ad oggi, sono diminuiti dal 39 al 32% i paesi con la dicitura “liberi”, quelli cosiddetti “parzialmente liberi” sono aumentati dal 26 al 36%, mentre quelli “non liberi” sono passati dal 35 al 32%. 

Come riportano i dati di Reporter senza Frontiere, dall’inizio del 2015 già si contano 24 giornalisti uccisi e 158 imprigionati. Nel 2014 invece sono stati 66 gli uccisi, 119 rapiti, 178 arrestati e quasi 2000 attaccati o minacciati. 



Il sito di Freedom House



IL RAPPORTO di Freedom House:

RAPPORTO FREEDOM HOUSE 2015 - (Eng. 5Mb)

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind