Centro Studi Sociali
Pietro Desiderato

Presentazione
Pietro Desiderato
Finalità
Statuto
Comitato Scientifico
Contatti

Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilitą
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Mercato del lavoro
09/10/2013

Rapporto CNEL 2013 sul Mercato del Lavoro

Il CNEL ha presentato a Roma l'annuale rapporto sul Mercato del Lavoro in Italia. Con la crisi la disoccupazione č salita oltre il 12% , ma il dato pił grave secondo il CNEL č che tale livello potrebbe non pił essere congiunturale ma strutturale.
 
 
 
 
L'incremento dell'offerta di lavoro e la contrazione del numero di occupati ha determinato un significativo aumento del tasso di disoccupazione che ha superato il 12% e che, alla luce dell'evoluzione del mercato del lavoro, si presume avere carattere strutturale.
E' quanto emerge dal rapporto sul mercato del lavoro elaborato dal Cnel, relativo agli effetti sull'occupazone derivanti dalla crisi economica.
Inoltre, secondo i dati, l'offerta di lavoro fra il 2008 e il 2012 e' aumentata di ben 900.000 persone, invece delle 550.000 della definizione standard delle forze di lavoro.
 
I giovani rappresentano la categoria della popolazione  piu' penalizzata dal deterioramento del mercato del lavoro.
 
Nel 2012 aumenta il tasso di attivita' dei giovani (15-29 anni), nonostante  rappresentino meno del 7% degli attivi, laddove gli over 55 sono ormai  piu' del 12%.
"La riflessione sulla questione giovanile e' poi scandita  dalle preoccupanti statistiche su quell'ampia platea di giovani sospesi  nel limbo del non studio e del non lavoro, i cosiddetti NEET, arrivati  a 2 milioni 250 mila, pari al 23.9%, ovvero circa un giovane su quattro
tra i 15 e i 29 anni".
 
Cresce la partecipazione degli over 55 nel mercato  del lavoro.
I lavoratori delle classi piu' anziane  (55-64 anni) sono quasi 277 mila in piu' rispetto al 2011, dei quali la  maggior parte occupati (+ 6,8% rispetto al 2011). L'invecchiamento della  popolazione attiva si ripercuote sul turn over del circuito produttivo:
"Il minor numero di persone che escono dal mercato del lavoro riduce  la domanda sostitutiva, di rimpiazzo delle persone che vanno in pensione,  soprattutto per effetto delle riforme pensionistiche".
 
Per maggiori informazioni: 
www.cnel.it
 
 

Rapporto 2013 versione Completa (3 Mb)

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind