Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Mercato del lavoro
19/10/2005

Salario minimo in Europa

La sindrome "dell'idraulico polacco", che pare abbia influenzato pesantemente la decisione francese relativa al no sulla Costituzione Europea, è una realtà dovuta alla ancora grande disparità dei salari minimi all'interno dell'Unione.


Nazioni quali Germania ed Italia dove non esiste un salario minimo garantito per legge potrebbero essere più vulnerabili. In particolare in Germania da molti mesi è in discussione l'ipotesi dell'introduzione di un minimo legale stabilito dalla Stato e non dalla libera contrattazioni delle parti. Lo stesso governo tedesco nel maggio scorso aveva duramente osteggiato a livello Europeo l'introduzione della direttiva Bolkestein sulla liberalizzazione dei Servizi in Europa.

Di seguito si allega una tabella, con dati Eurostat 2005, relativi al salario minimo garantito per legge negli stati europei che prevedono tale normativa
(formato Acrobat PDF - dimensione 220Kb).


ML_191005_salario_minimo.pdf

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind