Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Nuove tecnologie
06/08/2018

L'intelligenza artificiale trasformerà le imprese

Secondo IDC, il 40% delle aziende italiane si aspettano già nel 2018 una modifica nel modo di fare business a causa dell'Intelligenza Artificiale, che sta portando sempre più vantaggi, attraverso tecniche di Machine Learning, anche nei processi di analisi dei dati.




L’uso sempre più spinto di tecniche di intelligenza artificiale e la possibilità di ottenere crescenti livelli di apprendimento e automazione attraverso metodi di machine learning trasformeranno radicalmente il modo in cui i dati saranno gestiti e analizzati nei prossimi anni, impattando significativamente sui processi decisionali in ambito aziendale, evidenzia IDC.

Per anni, una migliore business analytics ha significato per le imprese un maggiore vantaggio competitivo. L'analisi, in definitiva, è un mezzo per ricavare valore dai dati. Valore che può essere monetizzato oppure trasformato in efficienza aziendale, in nuovi prodotti e servizi, in supporto continuo e costante alla fase decisionale.
Il machine learning è in grado di amplificare questo processo. E’ infatti una tecnica per sviluppare automatismi di analisi: utilizzando algoritmi in grado di apprendere in continuazione dai dati stessi, può scoprire informazioni sconosciute e viste inesplorate, individuando ed estraendo del valore senza essere stato programmato per sapere esattamente dove cercarlo.

Secondo IDC, entro la fine dell’anno i tre quarti almeno delle nuove soluzioni analitiche avranno integrato capacità di machine learning per venire incontro alle richieste delle aziende. Le aspettative delle imprese circa le potenzialità delle tecnologie AI, considerati appunti i benefici che promettono, stanno infatti crescendo giorno dopo giorno. 
Nei mesi scorsi, IDC ha condotto un’indagine a livello europeo che ha coinvolto anche un campione di imprese italiane da cui emerge proprio una grande attenzione nei confronti dell’intelligenza artificiale applicata all’operatività aziendale. Il 40% delle aziende italiane si aspetta già nel 2018 di essere impattato in maniera significativa nel modo di fare business dalle tecnologie AI. Il 32% delle imprese italiane estende la finestra di questo impatto ai prossimi due anni. Solo il 12% prevede questo impatto tra tre e cinque anni e il restante 16% non prima dei prossimi cinque anni.

In questo scenario, i servizi e le soluzioni di machine learning via cloud possono rappresentare un catalizzatore importante per accelerare la sperimentazione e la trasformazione data-driven delle imprese di tutti i settori.

Entro il 2021, prevede IDC, il 20% dei progetti di analytics, cognitive e intelligenza artificiale si appoggerà a un’infrastruttura eterogenea, sia on premise sia on cloud. Le aziende che sapranno dominare con confidenza le nuove tecnologie e piattaforme per la gestione degli insights saranno quelle capaci più di altre di comprendere i fattori che concretamente andranno a influenzare la customer satisfaction, la qualità dei prodotti e le performance finanziare dell’impresa.

 
Per maggiori informazioni:
 

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind