Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Nuove tecnologie
26/07/2006

Java, porte aperte all'era della partecipazione

Blog, Podcast, ITunes, Wikipedia, Videofonino, giornalisti che fanno i Blogger e comuni utenti della rete che fanno i giornalisti online:
il mondo di Internet continua e continuerà a stupirci.



A cura di Pietro Gentile

Si è conclusa a Milano, mercoledì 28 giugno, l'undicesima Java Conference.
Dopo dieci anni di continue novità, l'evento per la prima volta si è tenuto su tre giornate, vedendo coinvolte sia Roma che Milano.
Il tema dell'anno è stato "WEB 2.0 - Il futuro di Internet, il futuro del software"
 
Il Web 2.0 è ormai nelle case di tutti: è il crescente bisogno di interazione tra individui e comunità, unito al nuovo modello della condivisione. Questo fenomeno sta dando vita a quella nuova era economica e sociale che Sun Microsystem, l'azienda che ha creato il linguaggio Java, ha battezzato "Participation Age": un'epoca in cui, attraverso la Rete, le persone interagiscono continuamente per creare valore, opportunità e crescita.

Il linguaggio Java, rappresenta il primo importante esempio di lavoro cooperativo: una tecnologia sviluppata da una community fortemente interattiva, che ha dato un potente impulso innovativo al mercato ed ha creato di fatto una nuova industria. La visione everywhere-anytime-anydevice è oggi una realtà globale confermata dagli oltre 5 milioni di sviluppatori, un miliardo e 200 milioni di telefonini e palmari Java-enabled (sui due miliardi di telefonini presenti oggi - fonte GSM Association) e da più del 90% di utenti web, pari a circa un miliardo di persone che utilizzano Java tutti i giorni.

E' una tecnologia che ha modificato il modo di vivere di tutti noi, rimanendo peraltro trasparente nei confronti degli utilizzatori. Quanti di noi sanno che nel nostro telefonino o nel nostro computer o nel decoder per la ricezione del segnale televisivo, la tecnologia oggi si basa su questo innovativo linguaggio di programmazione?

Ma la pervasività è ancora più importante nel mondo degli affari e della finanza: se nel 1995 Java era un ottimo linguaggio di programmazione dedicato ad "abbellire" la grafica delle prime pagine web, oggi il 90% delle transazioni finanziarie elettroniche che avvengono a livello mondiale sono gestite da sofisticate applicazioni software scritte proprio nel linguaggio Java.

Secondo Giuseppe Facchetti, Chief Technology Officer di Sun Microsystem, il futuro è oggi nel campo dell'interattività video. La TV digitale si diffonde in modalità sempre più varie ed interessanti: dal Video On Demand al Digitale Terrestre, dalla IPTV alla Mobile TV, dalle applicazioni interattive, all'entertainment, fino alle applicazioni per il Digital Rights Management create per la protezione delle opere multimediali.

Fenomeni mediatici globali come You Tube, Flicker o Google Maps, sono solo l'inizio di questa grande rivoluzione, ma già ora creano in Rete nuovi personaggi e nuovi stili di vita che accompagneranno stupendoci il nostro futuro.


Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind