Eventi e iniziative
Corporate Social Responsability
Integrazione e diversabilità
Mercato del lavoro
Nuove tecnologie
Politica economica
Relazioni industriali
Risorse umane
Salute e sicurezza sul lavoro
Sistema creditizio e assicurativo
Sistema fiscale
Sistema previdenziale
Sistema sanitario
Volontariato e nonprofit
Welfare
Rassegna Stampa Estera
Mercato del lavoro
20/08/2008

Rapporto sul Mercato del Lavoro 2007

Il Cnel ha presentato nel mese di Luglio l'annuale Rapporto sul Mercato del Lavoro in Italia per il 2007. Nel 2008 previsto un ristagno dell'occupazione, l'eventuale incremento sarà merito degli immigrati.




Tra i grandi fenomeni che hanno caratterizzato il mercato del lavoro italiano nel corso degli ultimi anni vi è l'afflusso di immigrati. Si tratta di figure professionali che svolgono mansioni che gli italiani non desiderano più compiere.
Guardando allo scomposizione secondo i gruppi professionali si evidenzia come gli immigrati svolgano lavori meno qualificati. Per l'Italia la scelta dell'integrazione degli immigrati nel mondo del lavoro è una strada obbligata anche per una fase demograficamente avversa.
La debole crescita dell'offerta di lavoro nel corso degli ultimi anni si è confrontata con una domanda di lavoro vivace, e questo ha portato ad un significativo abbattimento della disoccupazione. L'aumento della domanda di lavoro non è stato però uniforme, né sotto il profilo settoriale (incrementi nei servizi privati e nell'edilizia) né tanto meno sotto quello territoriale (crescita concentrata al Nord).
La stagnazione della Produttività Totale dei Fattori frena la crescita. Essa costituisce l'evidenza di un sistema economico che ha difficoltà ad espandersi e a difendere la propria posizione competitiva. Conta anche l'adattamento al nuovo ambiente competitivo indotto dalla globalizzazione, e questo potrebbe avere penalizzato la piccola imprese negl ultimi anni; non è un caso che stia aumentando il contributo delle imprese medio-grandi alla crescita dell'occupazione.
La crescita occupazionale nel corso degli ultimi anni ha favorito la riduzione del tasso di disoccupazione, portandolo nel 2007 su valori pari a circa la metà rispetto ai massimi raggiunti intorno alla metà degli anni novanta, ma la percezione del miglioramento delle condizioni occupazionali è ancora scarsa, come evidenziato dalle indagini congiunturali. La creazione di nuovi posti ha mantenuto profonde divergenze a livello territoriale i tassi di occupazione sono convergenti fra le regioni del Nord, mentre il Mezzogiorno non riesce ridurre le distanze.

Un aspetto decisamente negativo, è rappresentato dal peggioramento della congiuntura economica. Con il Pil che crescerà solo di qualche decimo di punto percentuale nel 2008, non si può certo sperare ch il mercato del lavoro , da solo, faccia ulteriori "miracoli". Ed è quasi opportuno che non li faccia, perché se dovesse aumentare ancora l'occupazione, vorrebbe dire che la produttività del lavoro precipiterebbe ulteriormente verso livelli ancora più bassi, mettendo ulteriormente a repentaglio il grado di competitività del Paese.
Ma l'occupazione non aumenterà, o per lo meno, non certamente ai ritmi del passato. E' probabile invece un suo ristagno, come stanno ad indicare le sempre più frequenti notizie di aziende in crisi che ricorrono alla Cassa Integrazione. Scomponendo la crescita occupazionale secondo alcune caratteristiche si trovano riscontri di tendenze in atto già da alcuni anni: la crescita dei posti è più concentrata nella componente femminile ed è caratterizzata da un'elevata incidenza del part-time.

Nel 2007 la crescita investe prevalentemente posizioni a tempo indeterminato, mentre si riduce decisamente, rispetto agli anni precedenti, l'apporto dei contratti a termine.
Gli approfondimenti sulle caratteristiche del mercato del lavoro hanno messo poi in luce diversi aspetti. Vale qui la pena di richiamarne almeno due: l'analisi della diffusione degli straordinari e i comportamenti dei lavoratori a termine (un quarto dei lavoratori a termine passi da un anno all'altro allo status di lavoratore a tempo indeterminato). Una delle tendenze è l'evoluzione della popolazione in età lavorativa. Lo stock di italiani in età di lavoro ha difatti iniziato una parabola decrescente indotta da un tasso di natalità che da tempo risulta insufficiente per garantire il ricambio generazionale. Si espande l'offerta di lavoro, anche se di poco, grazie agli arrivi e alle regolarizzazioni dei cittadini stranieri. Non aumenta invece il tasso di attività, anche per effetto della struttura demografica stessa.

Occorre anche che le politiche sostengano l'incremento del tasso di occupazione, e questo non può accadere che per la componente femminile della forza lavoro, che in Italia ha la più bassa presenza nel mondo del lavoro fra tutti i paesi dell'Ue-25. Una maggiore diffusione del part-time aiuterebbe, ma contano anche servizi all'altezza, come quelli a sostegno delle madri che lavorano.


Rapporto Mercato del Lavoro 2007 CNEL

Versione per stampa
CERCA NEL SITO
© 2004 Centro Studi Sociali Pietro Desiderato
Powered by Time&Mind